I CECI

Il cece è una pianta erbacea della famiglia delle Fabaceae.

I semi di questa pianta sono i ceci, legumi ampiamente usati nell’alimentazione  umana che rappresentano un’ottima fonte proteica.
La pianta presenta fusto peloso con altezza variabile tra 20 e 50 cm. Le foglie sono opposte, composte da foglioline dentate; i fiori sono solitari ascellari, bianchi, rosei o rossi; i semi, contenuti in numero di 2-3 nei baccelli, sono commestibili. Le radici della pianta possono penetrare nel terreno fino a 2 metri, e questo le consente di sopravvivere con pochissima acqua.
Il nome deriva dal latino  cicer. È noto che il cognome di Cicerone discendeva da un suo antenato che aveva una caratteristica verruca a forma di cece sul naso.
Il nome specifico arietinum si riferisce invece alla somiglianza che hanno i semi con il profilo della testa di un ariete.
Il cece coltivato deriva da forme selvatiche del genere Cicer, probabilmente da Cicer reticulatum. Le specie selvatiche si sono originate probabilmente in Turchia, mentre le prime testimonianze archeologiche della coltivazione del cece risalgono all’età del bronzo e sono state rinvenute in Iraq; i ceci si diffusero in tutto il mondo antico: antico Egitto, Grecia antica, Impero romano.

Prezzi in Euro

Grammi 500

SCARICA IL LISTINO

Contattaci per informazioni sulla spedizione e sui prodotti


Posted in Prodotti and tagged by with comments disabled.

LA CICERCHIA

Il Lathyrus sativus, è un legume, comunemente chiamato Cicerchia, appartenente alla famiglia delle Fabaceae,  diffusamente coltivato per il consumo umano in Asia, Africa orientale e, limitatamente, anche in Europa ed altre zone.

È una coltura particolarmente importante in aree tendenti alla siccità  ed alla carestia, detto cultura di assicurazione poiché fornisce un buon raccolto quando le altre colture falliscono. È anche nota con il nome di pisello d’erba, veccia indiana, pisello indiano, veccia bianca, almorta o alverjón (Spagna), cicerchia  (Italia), guaya (Etiopia), e khesari (India).
Il consumo di questa pianta leguminosa in Italia è limitata ad alcune aree del centro-sud ed è in costante declino

Prezzi in Euro

Grammi 500

SCARICA IL LISTINO

Contattaci per informazioni sulla spedizione e sui prodotti

Pagine: 1 2


Posted in Prodotti and tagged , by with comments disabled.

LA ROVEJA DI CASCIA

Oggi è stata pressochè abbandonata ovunque e resistono solo pochi agricoltori in Valnerina, in particolare a Cascia e in una località vicino Preci, dove c’è una fonte detta dei Rovegliari.

In questa vallata la roveja si semina a marzo a un’altitudine che va dai 600 ai 1200 metri e si raccoglie tra la fine di luglio e l’inizio di agosto. La battitura è simile a quella della lenticchia: quando la metà delle foglie è ingiallita e i semi sono diventati cerosi, si sfalciano gli steli e si lasciano sul prato ad essiccare. Quando l’essicamento è completato si portano sull’aia e si trebbiano. Si deve poi liberare la granella dalle impurità con una ventilazione che avviene con setacci.
La roveja è resistente anche alle basse temperature, in genere si coltiva in primavera/estate e non ha bisogno di molta acqua. Ha grande valenza nutritiva perché molto proteica, in particolare se consumata secca, con alto contenuto di carboidrati, fosforo, potassio e pochissimi grassi.

Prezzi in Euro

Grammi 500

SCARICA IL LISTINO

Contattaci per informazioni sulla spedizione e sui prodotti

Storia e origini della roveja

Nei secoli passati questo legume era prodotto su tutta la dorsale appenninica umbro-marchigiana, in particolare sui monti Sibillini, dove i campi si trovavano anche a quote elevate. Questo tipo di pisello, dal seme colorato che va dal verde scuro al marrone per arrivare al grigio, cresce anche in forma spontanea, lungo le scarpate e nei prati, e nei secoli passati era addirittura protagonista dell’alimentazione dei pastori e contadini dell’area. Il declino della roveja iniziò nella seconda metà del XX secolo, con la maggiore redditività di altre colture e l’introduzione dei mezzi meccanici nell’agricoltura.
La sua origine non è ancora chiaramente definita: molto probabilmente proviene dal Medio Oriente. In Europa questa specie conosciuta fin dalla preistoria ha rappresentato, insieme a lenticchia, orzo e farro, la base dell’alimentazione umana nel neolitico. Sia i Greci che i Romani lo consideravano un legume prelibato.

Pagine: 1 2


Posted in Prodotti and tagged , , by with comments disabled.

LA LENTICCHIA

La lenticchia è una pianta annuale erbacea, alta da 20 a 70 cm. Gli steli sono dritti e ramificati. Le sue foglie alterne, composte pennate, contano da 10 a 14 foglioline opposte, oblunghe e terminano con un viticcio generalmente semplice o bifido. Sono munite alla base di stipole dentate. I fiori, a corolla papilionacea tipica della sottofamiglia delle Faboideae, sono di color bianco o blu pallido e riuniti in grappoli da due a quattro. Il calice è regolare, a cinque denti sottili e relativamente lunghi. La fioritura estiva avviene tra maggio e luglio. I frutti sono dei baccelli appiattiti, corti, contenenti due semi dalla caratteristica forma a lente leggermente bombata.
Il colore dei semi cambia a seconda delle varietà, dai più pallidi (verde chiaro, biondo, rosa) al più scuro (verde scuro, bruno, violaceo…).

Prezzi in Euro

Grammi 500

SCARICA IL LISTINO

Contattaci per informazioni sulla spedizione e sui prodotti

Pagine: 1 2


Posted in Prodotti and tagged , by with comments disabled.